Allattamento in Tandem – L’esperienza di una mamma

allattamento due figli

Irene (www.irenevaticano.com) oggi ci parla dell’allattamento in gravidanza e in tandem, riportandoci la sua esperienza di mamma.
Ierene è un’infermiera, consulente di baby-wearing e ha una conoscenza approfondita in tema di allattamento al seno.

Allattare un primo figlio durante la gravidanza del secondo bambino non è per forza da escludere come possibilità, qualora la gravidanza vada bene e la mamma ha voglia e desiderio di continuare l’allattamento può farlo senza compromettere la sua salute o quella del feto.
Bisogna, come sempre, valutare la gravidanza, il suo decorso e quel caso in particolare, come sempre non è possibile generalizzare.

Molto spesso l’argomento allattamento è tanto chiacchierato e circondato da detti popolani, false credenze ma soprattutto da tanta disinformazione.

Un argomento abbastanza sconosciuto è l’allattamento in tandem e oggi voglio approfondirlo con voi, sia dal punto di vista professionale che personale di mamma che lo ha praticato per più di 2 anni.

allattamento due figli

Per allattamento in tandem si intende la circostanza in cui si allatta più di un bambino contemporaneamente, sia nello stesso momento che nell’arco dell’allattamento stesso o in gravidanza.

Allattare in gravidanza è sempre possibile se la gravidanza è fisiologica ed è sbagliato temere che questo possa provocare la perdita prematura del bambino, in quanto l’ossitona rilasciata dalla suzione è una quantità così minima che non influisce sulle contrazioni uterine, se questo non soffre di ipercontrattilità.

Personalmente mi sono trovata ad allattare la mia bimba più grande per quasi 3 anni e mezzo di cui 9 mesi di gravidanza della secondogenita e un anno e mezzo di tandem dalla sua nascita.

Non è stata una decisione che ho preso razionalmente, ma ho seguito semplicemente il mio istinto.

Per molte donne allattare in gravidanza è un’esperienza spiacevole a causa dell’ipersensibilità del seno, che a onor del vero generalmente è presente solo i primi mesi, ma così intensa da far sviluppare un senso di avversione alla mamma.

Durante la mia seconda gravidanza, il fastidio era lieve e nonostante la prima ginecologa che ho consultato, mi disse di smettere di allattare senza neanche aver ancora controllato lo stato del nascituro, decisi di seguire il mio istinto e di rivolgermi a un altro professionista.

L’ostetrica che mi seguì confermò tutto quello che il mio istinto mi stava dicendo da un po’.

Superato il momento della gravidanza allattare insieme le mie bambine è stata un’esperienza bellissima, soprattutto perchè mi ha permesso di non farle sentire diverse ai miei occhi e anzi di sentirsi parte di un unico tutto.

allattamento in tandem

Ricordo la prima volta che si sono attaccate insieme, io ero un po’ impacciata perchè una cosa è sapere la teoria, una cosa è metterla in pratica in prima persona!

Ho attaccato prima Rebecca che aveva 24 ore di vita e poi si è attaccata Lydia, che ai tempi aveva solo 18 mesi ma sapeva bene come doveva fare. Non è stato difficile o complicato, semplicemente naturale.

Lydia guardava Rebecca interessata e curiosa e a un certo punto, mentre ciucciavano entrambe, le prese la sua piccola manina e il mio cuore si è sciolto.

Allattare in tandem spaventa tante mamme perchè si ha paura che il bimbo più grande “rubi” il latte al più piccolo, ma la verità è che non è così perchè la natura protegge sempre il più piccolo, il latte si adatta alle necessità del neonato e la produzione si calibra in base alla richiesta, quindi se sono due i bambini allattati allora verrà prodotto latte in quantità per due.

Un grande vantaggio dell’allattamento in tandem è che si ha a disposizione un bimbo esperto e quindi è molto facile di incappare in problematiche come ingorghi o mastiti soprattutto ad avvio allattamento quando generalmente si ha più latte di quello che mangia il neonato.

allattare in tandem

Allattare in tandem non è obbligatorio, ma un scelta della mamma. Quello che suggerisco io è che si segua sempre il proprio istinto e se si sente che la scelta giusta è di non interrompere l’allattamento allora probabilmente non è il caso di farlo.